.

Le frazioni di San Casciano in Val di Pesa sono: Bardella, Bargino, Calcinaia, Campoli, Cerbaia, Chiesanuova, Cigliano, Faltignano, La Romola, Mercatale, Montefiridolfi, San Pancrazio, Sant'Andrea in Percussina e Spedaletto, Bardella, Cigliano,Faltignano 

Mercatale

È la principale frazione di San Casciano e si trova a cavallo tra la Val di Pesa e la Val di Greve. Come si evince dal nome il paese nasce come luogo di mercato: Infatti è rimasto il documento con cui nel 1237 si autorizzava la predisposizione di una piazza situata ai piedi del Castello di Montecampolese. Oggi è una cittadina circondata da boschi.

Cerbaia

Dopo Mercatale è la frazione più popolosa di San Casciano. È situata nella parte nord-ovest del comune e grazie al notevole incremento della popolazione ormai il suo abitato si estende a cavallo tra i comuni di San Casciano e di Scandicci.La sua storia è legata al ponte che la Signoria di Firenze fece costruire nel 1295 per scavalcare il fiume Pesa. Interessanti nell'abitato la chiesa di Santa Caterina costruita alla fine del XIX secolo. Nell'abitato all'interno di un abitato situato in via Volterrana n.67 è collocato un affresco del XV secolo dipinto secondo Giorgio Vasari da Lorenzo di Bicci e raffigurante la Madonna che porge l'anello a Santa Caterina. Poco fuori dall'abitato sono un castello conosciuto come Il Castellare e la Pieve di San Giovanni in Sugana.

Chiesanuova 

Si è sviluppata solo dalla fine del XIX secolo quando venne aperta una deviazione sulla via Volterrana. Nell'abitato è da segnalare la Chiesa di San Donato e nei pressi la Chiesa di San Bartolomeo a Faltignano Celebre per la "Schiacciata" pane salato ottimo per farci dei panini.

Montefiridolfi

La storia di Montefiridolfi si confonde con quella del suo castello. Il borgo prende il nome dall'appartenenza del castello ai figli di Ridolfo Buondelmonti, famiglia che ne fu proprietaria fino al XVII secolo. Oggi è un borgo agricolo situato nella campagna chiantigiana e circondato dalle fattorie Antinori e Rosselli del Turco. Interessante la piazzetta principale (recentemente restaurata e pavimentata in cotto) sulla quale si affaccia una bella casa-torre risalente al XIV secolo. Oltre al Castello di Montefiridolfi e alla Chiesa parrocchiale di Santa Cristina nei dintorni sono la Tomba dell'Arciere, il Castello di Bibbione e il Monastero del Luogo Nuovo.

La Romola

Sorge in mezzo ai boschi nei pressi del poggio Valicaia. In passato apparteneva amministrativamente al comune di Scandicci, poi nel 1881 fu spostata su San Casciano. L'apertura della variante della via Volterrana ha di fatto posto la frazione in uno stato di isolamento dalle principali vie di comunicazione. Nell'abitato sorge la chiesa parrocchiale dedicata a Santa Maria. Nel cimitero del paese è sepolto Benito Jacovitti.

San Pancrazio

La storia del paese si confonde con quella della Pieve di San Pancrazio, un edificio romanico esistente già nel X secolo. In passato San Pancrazio fu sede di un castello cinto di mura di cui oggi si possono leggere le tracce lungo la via Certaldese.

S.Andrea in Percussina

È un borgo di antica origine, ed una delle località più pittoresche tra San Casciano e Firenze, situato su un crinale affacciato a nord sulla città di Firenze, con vista del Duomo e delle colline di Fiesole e ad est sulla valle della Greve e su Impruneta, con vista fino al Pratomagno.

Fu residenza di Niccolò Machiavelli, che qui aveva anche i suoi possedimenti, tra cui l'Albergaccio, dove trascorse il suo esilio, magistralmente descritto nella lettera io mi sto in villa all'amico Francesco Vettori in cui racconta delle giornate trascorse con i taglialegna nel bosco e ad ingaglioffirsi all'osteria, per poi ritirarsi alla sera nel suo studio meditando di alta politica e scrivendo Il Principe.

Spedaletto 

Il paese sorto probabilmente nella prima metà del XIV secolo, lungo l'antica Via Cassia il nome Spedaletto deriva dalla costruzione, ad opera dei Machiavelli, dello "Spedale di San Lorenzo a Percussina" il quale aveva lo scopo di ospitare i viandanti che si trovavano a percorrere questa via. 

Bardella

E' la prima frazione minore che si trova dirigendosi sul versante empolese, posta proprio nell'immediatezza del paese principale. Bardella è un agglomerato abitativo composto da circa 1.200 abitanti. Qui si trova la chiesa di Santa Maria ad Argiano, Villa Panerai e una zona artigianale discretamente estesa. Importante è la Villa Gentilino.

Cigliano

Con il termine Cigliano si intendono due siti abitativi posti a breve distanza dal capoluogo. Cigliano di sotto è caratterizzato dalla Villa Antinori, con bel giardino scenografico settecentesco, e dalla Cappella Antinori. Cigliano di sopra era un castello successivamente trasformato in villa.

Faltignano

E' posto a circa 5 km dal capoluogo in direzione di Scandicci presenta un piccola chiesa intitolata a San Bartolomeo, ad unica navata, di origine duecentesca.A breve distanza sorge Villa Pimpinelli dove alloggiò Piero Calamandrei.

 

 

Progetti

chianti wasteagendadisimballiamocivetrina10cftcoordinamentocitiesforlife tusciachiantimuseicomuniversbioprotezioneccittaequosolidaleGiovanisi Banner nuovo bassomuoversi in comune

Galleria

galleria

Siti tematici

elenco